Forum dell’Associazione Prodigio

#3
Quella della disabilità, in tutte le sue forme, è una tematica sempre molto attuale, dove si sono fatti molti passi avanti in termini di assistenza e dove però rimangono ancora molti taboo e barriere. Per capire un po’ meglio la questione siamo andati a parlare con un operatore di un centro Anffas che ogni giorno si trova a contatto con la disabilità:

Ciao Luca, come prima cosa ti chiederei di farci una breve presentazione, chi siete e di cosa vi occupate?
Buongiorno a tutti, sono Luca, operatore referente del centro socio-educativo dell’associazione Anffas trentino Onlus, associazione che si prende cura di persone con disabilità da ormai circa 50 anni. Il centro di via Gramsci, nello specifico, si occupa di persone con disabilità medio-gravi che hanno bisogno di molto supporto, sia dal punto di vista cognitivo che relazionale.

Come si svolge la giornata all’interno del centro?
La giornata si articola in diversi momenti, gli utenti arrivano al mattino, dove c’è un primo momento di accoglienza e d’incontro, successivamente si dà il via a delle attività che posso essere ad esempio ginnastica, fisioterapia, attività in acqua, ma anche piccoli laboratori manuali di scultura o piccolo artigianato, nei quali si utilizza principalmente materiale di riciclo. Ovviamente per le persone con disabilità non è facile cimentarsi in queste attività e non possiedono l’autonomia per svolgerle da soli, ma grazie a queste emergono le qualità di ogni persona e si riesce a conoscerli meglio e instaurare un canale relazionale.

Che emozioni suscita lavorare a stretto contatto con la disabilità?
Essendo un lavoro basato principalmente sulla relazione e la capacità empatica di comprendere i bisogni dell’altro, è inevitabile esporre la propria persona, dunque anche la componente emotiva è sempre alta. Entrare in relazione con una persona disabile significa anche entrare in relazione con se stessi con le proprie paure, con i propri limiti e le proprie qualità. Solo se si riesce a relazionarsi in maniera diretta, non superficiale, si riesce ad avere un approccio corretto e costruttivo. Spesso non è facile instaurare questo legame, anche perché ogni persona ha bisogni e limiti diversi, quindi bisogna adottare strategie differenti che posso anche rivelarsi vane. È un continuo mettersi in gioco e porsi verso l’altro.

Quali sono le principali barriere da abbattere per avere il miglior approccio con la disabilità?
Per quanto riguarda le persone che non sono a diretto contatto con la disabilità, la barriera più grande penso sia quella di fermarsi difronte all’apparenza, non riuscire a riconoscere che oltre la disabilità si ha davanti una persona. Non riuscire a vedere il valore umano della persona, si questo.

Bene, ti ringraziamo Luca per il tempo e la disponibilità offerta, vuoi fare qualche appello o ringraziamento?
Sì, vorrei estendere i miei ringraziamenti a tutto il quartiere, alle persone che ci supportano ogni giorno e all’equipe di lavoro. Sono tutti contributi molto importanti, che costruiscono una realtà solida e collaborativa. Grazie a tutti.
long long title how many chars? lets see 123 ok more? yes 60

We have created lots of YouTube videos just so you can achieve [...]

Another post test yes yes yes or no, maybe ni? :-/

The best flat phpBB theme around. Period. Fine craftmanship and [...]

Do you need a super MOD? Well here it is. chew on this

All you need is right here. Content tag, SEO, listing, Pizza and spaghetti [...]

Lasagna on me this time ok? I got plenty of cash

this should be fantastic. but what about links,images, bbcodes etc etc? [...]

Swap-in out addons, use only what you really need!